Seguici    
Accedi

Effettua il LOGIN

Hai dimenticato la password?
REGISTRATI ADESSO!

oppure accedi tramite...

 

Dario Fo e Franca Rame: La nostra storia - Il Cinema,Carosello e le Farse

Dario Fo e Franca Rame la nostra Storia, in onda lunedì 6 marzo alle 21:15 su Rai5

Gli anni del cinema e dell’impegno in Tv con Carosello e poi le farse e la scoperta di un uso “acrobatico” del corpo. Sono le esperienze artistiche di Dario Fo e Franca Rame raccontate nel quarto appuntamento con il ciclo inedito di documentari “Dario Fo e Franca Rame. La nostra storia”, in onda lunedì 6 marzo alle 21:15 su Rai5.

Nella seconda metà degli anni ’50 Dario Fo e Franca Rame approdano a Roma e al cinema: nel 1956 girano “Lo svitato” con la regia di Carlo Lizzani, un film che illustra con una buona dose di satira il cambiamento vorticoso che ha investito l’Italia post-bellica sullo sfondo di una Milano frenetica.

La pellicola non incontra però il favore del pubblico. Parallelamente i due artisti intraprendono l’avventura del Carosello, mentre Franca rifiuta un ruolo in “Senso” di Luchino Visconti ed entra in una compagnia di giro, che abbandona poco dopo per dedicarsi, con Dario, alle farse.

I testi di Fo si ispirano a Feydeau, a Labiche e agli autori russi: vengono così alla luce i “Quattro Atti Unici”, in scena al Piccolo Teatro, e “Quattro Farse”: oltre ad un nuovo uso della scrittura scenica, che molto mutua dalla commedia dell’arte, incentrando lo sviluppo delle trame intorno alla “chiave” – il numero comico –, la coppia si avventura alla scoperta dell’utilizzo inedito e quasi acrobatico del corpo. Fo e Rame sono ormai capocomici: nel 1959 aprono la stagione dell’Odeon di Milano con “Gli Arcangeli non giocano a flipper”, prima commedia in tre atti dei due, che resta in scena tre mesi a cui ne seguono otto di tournée nazionale.

Sono presenti interventi di Jacopo Fo, del critico cinematografico Domenico Argentieri e Gianni Minà ed estratti da “Caino e Abele” (1982), “Storia della tigre e altre storie” (1992), dalle farse e dagli atti unici, dalle commedie e dai Caroselli.

La puntata appartiene al ciclo inedito di documentari dal titolo “Dario Fo e Franca Rame. La nostra storia”, che tra citazioni di commedie, monologhi, interviste e immagini di repertorio, fa rivivere l'epopea del nostro Paese dal punto di vista dell' "ultimo giullare".

Gli appuntamenti, che Rai5 dedicherà ai due artisti nell’arco di tutto il 2017, saranno 25 e saranno articolati in mini-cicli composti da cinque documentari ciascuno, incentrati su temi specifici della biografia della coppia e della vita del Paese. Il primo ciclo di cinque appuntamenti, in onda dal 13 febbraio al 13 marzo in seconda serata, ripercorre l’arco temporale che dall’infanzia dei due artisti arriva ai primi anni ’60: gli anni della formazione e dell’incontro tra Dario e Franca e dell’inizio del sodalizio esistenziale ed artistico tra i due, tra difficoltà economiche e sperimentazioni ardite in ambito teatrale, fino all’approdo al cinema e alla televisione, culminato nell’esperienza travagliata di “Canzonissima” nel 1962.

Filo conduttore di ogni puntata saranno i racconti di Dario e Franca, accompagnati da frammenti di film tratti dall’archivio Rai e da immagini inedite corredate da animazioni e interventi di Jacopo Fo su aneddoti familiari. L’archivio della famiglia Fo, ideato e costruito da Franca Rame, diventa così fonte di notizie e nodo centrale da cui si sviluppa la storia della famiglia e dell’Italia.

I materiali di repertorio saranno accompagnati da interviste a personaggi che hanno conosciuto i due artisti (tra gli altri Gino Paoli, Stefano Benni, Dacia Maraini, Paola Cortellesi, Paolo Villaggio, Gianni Minà) e dalla sintesi di spettacoli teatrali, introdotti di volta in volta da una presentazione di Dario e Franca o da coloro che vi hanno partecipato direttamente. In chiusura di ogni puntata infine, anche alcuni minuti tratti dai corsi di teatro tenuti dalla coppia. Definire Franca Rame e Dario Fo solo attori è riduttivo: ogni puntata affronterà anche il Dario Fo pittore, scenografo e cantante, compositore e regista di opere liriche.

Di Franca saranno ricordati l’impegno come attivista ed editor teatrale tra le migliori al mondo, nonché il suo lavoro per l’archivio di famiglia e le sue battaglie politiche e sociali.

Tags

Condividi questo articolo

Inserisci il codice nel tuo articolo